Si specifica che l’analisi seguente non rappresenta in nessun modo un consiglio o una raccomandazione di investimento: lo scopo rimane infatti unicamente educativo ed informativo. Per ulteriori informazioni leggere il Disclaimer presento sul sito.

Come era stato anticipato la scorsa settimana, sembra che gli interventi delle Banche Centrali, e specialmente della Fed, abbiano riportato una relativa stabilità sui Mercati. Anche per quello che riguarda il Forex le enormi oscillazioni delle settimane precedenti sembrano essersi stabilizzate: gli indici che fanno riferimento alla volatilità generale sono ancora alti, ma sono stati fatti passi in avanti verso il ritorno ad una situazione di quasi normalità.

Eur/Usd:
L’Euro ha tentato una reazione la scorsa settimana ma il momento rialzista si è fermato intorno all’area di 1.12: tale livello è un punto chiave per questa coppia di valute e l’Euro ha dimostrato di non avere la forza per superarlo, ritracciando rapidamente intorno all’area 1.09. L’Europa è ancora lontana dal trovare una soluzione agli enormi danni economici provocati dal Coronavirus e, almeno per il momento, il Dollaro Usa si mostra forte delle maggiori capacità di reazione al disagio economico che gli Stati Uniti hanno evidenziato in questi giorni.

Gbp/Usd:
Come previsto nelle scorse Analisi, continua il percorso rialzista della Sterlina che dopo aver toccato il minimo di 1.15 ha iniziato una veloce ripresa per attestarsi oggi intorno all’area di 1.24. Pesa la situazione Coronavirus e le stravaganti scelte del Governo, e in futuro peserà dover affrontare le trattative post Brexit in una situazione difficile, ma il prezzo di 1.15 era evidentemente appetibile per gli acquirenti e il rimbalzo che è seguito era ampiamente prevedibile. Arrivati in questa area resta da verificare la tenuta del livello 1.25 per capire se partiranno ulteriori discese oppure nuovi rialzi fino a 1.27.

Usd/Chf:
Dopo la lunga corsa delle ultime settimane, il Dollaro Americano ha frenato e ritracciato fino a 1.95. Subito dopo è ripartito un movimento rialzista che ad ora attesta il prezzo intorno a 0.9650. Il Dollaro rimane forte il Franco Svizzero continua a pagare la debolezza dell’area Euro, pertanto risultano poco probabili al momento crolli verticali della valuta americana come quello accaduto nelle scorse settimane.

Eur/Aud:
Continua la stabilizzazione della moneta australiana dopo le vicende drammatiche delle scorse settimane che hanno visto il prezzo balzare a 1.96 in un rovinoso Flash Crash notturno. Il Dollaro Australiano continua a recuperare terreno, complice le problematiche orientali relative alla pandemia che in questo momento sono avanti nella risoluzione e, dall’altra parte, la debolezza dell’area Euro che si trova invece a confrontarsi con il picco dei contagi. Il prezzo è sceso sotto quota 1.80 e vedremo se saprà rimanerci e dirigersi verso quota 1.70, target sicuramente ragionevole vista la situazione precedente alla diffusione del Coronavirus.

Usd/Jpy:                                                                                                                                                                            La lunga corsa del Dollaro Usa, vera valuta rifugio durante la crisi Coronavirus, si è momentaneamente interrotta e ha portato il prezzo intorno all’area 108. In questo momento il cambio sta testando questo importante livello che costituisce un supporto rilevante: dal comportamento del prezzo rispetto a tale supporto potremmo trarre informazioni rispetto all’andamento del prossimo futuro. Il Dollaro è sostenuto da una sostanziale fiducia degli investitori nell’economia americana ma i danni collaterali dell’epidemia sono soltanto agli inizi per la nazione guidata dal Presidente Trump.

Usd/Cad:                                                                                                                                                                          Dal livello massimo di 1.45 il Dollaro Canadese ha recuperato terreno portandosi fino a 1.40. Subito dopo si è verificato un rimbalzo che attualmente assesta il prezzo intorno a 1.4250: ci troviamo a livelli comunque alti provocati dalla crisi del Petrolio ed è possibile che il prezzo ricominci un trend ribassista per riportarsi sotto 1.40.

Stamina Expert Advisor è un Trading Robot progettato e testato resistere alle fasi di mercato più volatili: grazie agli algoritmi implementati e all’adozione di un Money Management prudente e conservativo, è possibile realizzare un Trading Automatico efficace e sicuro. Richiedi il contatto di un nostro Consulente, che ti illustrerà tutte le caratteristiche del software e i test svolti. Stamina è il Forex Robot destinato a cambiare definitivamente il concetto di Trading Algoritmico: uno strumento potente ed efficace che ogni Trader dovrebbe avere nel proprio arsenale di Trading.

Compila il modulo per scaricare GRATUITAMENTE l'esclusivo E-Book: "Guida Completa al Trading Automatico"

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.